Conversioni
 

Chemioterapia

CHEMIOTERAPIA

Chirurgia oncologica

INTRODUZIONE ALLA CHEMIOTERAPIA

La chemioterapia si basa sull’utilizzo dei chemioterapici che sono farmaci ad ampio spettro e con indice terapeutico basso che con diversi meccanismi agiscono sulle cellule tumorali.

Esistono diversi tipi di chemioterapia:

La monochemioterapia che al giorno d‘ oggi viene solitamente riservata ai pazienti con età superiore ai 70-75 anni in cui è cessata l‘ efficacia della polichemioterapia o con basso performance status.

La polichemioterapia che è costituita dall’associazione di più farmaci antineoplastici edè più efficace della monochemioterapia in quanto aumenta l‘attività curativa grazie al sinergismo di più farmaci, riduce l‘ insorgenza di cloni cellulari resistenti e gli effetti tossici dei singoli farmaci.

La chemioterapia può inoltre essere adiuvante o neoadiuvante.

La chemioterapia adiuvante è particolarmente indicata nelle neoplasie ad alto rischio di recidiva e di disseminazione a distanza. Il suo scopo è quello di distruggere micrometastasi presenti dopo l‘ intervento chirurgico aumentando così la percentuale di guarigione.

La chemioterapia neoadiuvante è un tipo di chemioterapia che viene effettuata prima dell’intervento chirurgico e che ha lo scopo di ridurre le dimensioni della neoplasia al fine di poter effettuare un successivo intervento chirurgico più conservativo.

TOSSICITA’ DEI CHEMIOTERAPICI

La tossicità dei chemioterapici è di tipo arigenerativo e si manifesta sopratutto a livello dei tessuti ad alto indice proliferativo: il midollo osseo con alterazioni a livello ematico (anemia, piastirnopenia, infezioni, immunosoppressione, leucopenia), a livello della mucosa intestinale (stomatite, diarrea, enterite, colite mucomembranosa), a livello di cute ed annessi cutanei (alopecia), a livello delle gonadi (amenorrea e azospermia). L’utilizzo di chemioterapici favorisce l’insorgenza di neoplasie (teratogenicità).