Conversioni
 

Innesti ossei mascellari autologhi

INNESTI OSSEI MASCELLARI E/O MANDIBOLARI AUTOLOGHI

Chirurgia ricostruttiva

Con un intervento di innesto (o trapianto) osseo si ha l’obiettivo di aumentare la quantità di tessuto osseo mascellare e/o mandibolare per permettere l’inserimento di impianti e la successiva realizzazione di protesi fisse laddove, per la diminuita quantità di osso sarebbe possibile solo la realizzazione di protesi rimovibili convenzionali.

Descrizione: Aumento della quantità ossea del mascellare o della mandibola.

Anestesia: Anestesia locale con sedazione in d.h. Su richiesta specifica del pz. si puo’ effettuare l’intervento in anestesia generale e/o degenza 1 notte in clinica.

Guarigione: 3-4 giorni per tornare alla vita normale; 3-6 mesi per completa integrazione ossea.

La soluzione terapeutica per questo tipo di squilibri è rappresentata da un trattamento combinato chirurgico-ortodontico: viene infatti previsto un trattamento ortodontico preventivo che predisporrà gli elementi dentali al successivo spostamento chirurgico dei mascellari.

Attraverso un intervento di chirurgia ortognatica si può ottenere un miglioramento dal punto di vista funzionale, ossia della masticazione, poiché viene corretta l’occlusione, sia un miglioramento dell’estetica globale del viso poiché vengono corrette le alterazioni dei reciproci rapporti tra i vari componenti dello scheletro facciale. A questo stesso tipo di intervento possono essere associati anche altri interventi di chirurgia estetica quali la rinoplastica, blefaroplastica, mentoplastica.

L’INTERVENTO CHIRURGICO

L’intervento prevede il prelievo di una certa quantità di tessuto osseo, la sua modellazione e fissazione nella zona in cui questo è carente. Normalmente le sedi di prelievo di osso autologo, ossia del paziente stesso, sono la regione posteriore della mandibola o il mento. Nei casi in cui sia necessario ricorrere a quantitativi maggiori di tessuto osseo si ricorre al prelievo da sedi extra-orali, solitamente la teca cranica.

DURATA DELL’INTERVENTO

In caso di innesto prelevato da sede intra-orale l’intervento ha una durata di circa un’ora e può essere eseguito in regime ambulatoriale, in anestesia locale associata a sedazione cosciente o nei casi in cui venga richiesto dal paziente in anestesia generale. Nei casi in cui sia necessario ricorrere a sedi extra-orali l’intervento viene eseguito in sala operatoria in anestesia generale. La durata varia da una a due ore, a seconda della complessità del caso.

GUARIGIONE

Nelle sedi d’innesto osseo può essere presente leggero gonfiore nei giorni successivi all’intervento; nelle sedi di prelievo sarà presente gonfiore per 5-6 giorni dopo l’intervento. Dopo circa 6 giorni dall’intervento si potranno riprendere le normali attività lavorative. Sono necessari dai 3 ai 6 mesi di tempo per permettere la completa integrazione del tessuto osseo innestato e per poter inserire gli impianti.